Viaggi e Turismo

 

Gli Speciali di Atacama Travel

Esplorando la PATAGONIA
Patagonia: Perito Moreno
Un viaggio imperdibile per scoprire gli incantevoli paesaggi del territorio argentino. Si conosceranno Buenos Aires, dinamica ed elegante capitale del Tango; Ushuaia, la città più australe del Mondo! El Calafate con il Parco Nazionale Los Glaciares fino ad arrivare al Perito Moreno, una delle meraviglie del Mondo, dichiarato nel 1981 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Un itinerario fattibile tutto l’anno, per ammirare il meglio che ogni stagione può offrire.
 
Il viaggio
1° giorno, 22 aprile:
ITALIA – BUENOS AIRES

Partenza dall'Italia con volo di linea intercontinentale per Buenos Aires. Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno, 23 aprile:
BUENOS AIRES

Arrivo, trasferimento e sistemazione all’hotel Kenton**** (o simile). Immediata sistemazione nelle camere (early check-in garantito). Nel pomeriggio visita della Plaza de Mayo, della Cattedrale, il Cabildo, la Casa Rosada, il quartiere del tango di San Telmo, il variopinto Caminito de La Boca. Rientro in albergo. In serata cena con spettacolo di tango in un tipico locale con ballerini e musicisti professionisti. Pernottamento.
 
Dinamica, elegante, cosmopolita, nostalgica, Buenos Aires è la città più europea del continente senza perdere l’estro  sudamericano con le sue piazze in stile coloniale, i viali ombrosi, le originali fiere di antiquariato, i teatri di fama mondiale e gli interessanti musei. Famosa per l’affascinante quartiere del porto di La Boca, con strade lastricate, case dipinte dai colori vivaci dove si stabilirono i primi immigranti italiani e dove si trova il famoso stadio “la Bombonera”, meta di pellegrinaggio degli amanti del calcio. Qui nel XIX secolo è nato il tango, la musica nostalgica simbolo dell’Argentina,  che riunisce diversi ritmi musicali. Il centro della città è sede di edifici coloniali governativi come La Casa Rosada, El Cabildo e la Cattedrale Metropolitana che circondano la Plaza de Mayo. A pochi passi dalla piazza si trova lo storico “Café Tortoni”, luogo di incontro di artisti e frequentato da Borges, Carlos Gardel e Benito Quinquela Martín. Nelle vicinanze il quartiere bohemio di San Telmo è pieno di pittoresche case, bar, ristoranti, “milongas” dove gli argentini ballano il tango ed ogni domenica nella Piazza Dorrego si svolge il famoso mercato dell’antiquariato.  Fuori dal centro storico,  nell’elegante quartiere de La Recoleta, oltre al Cimitero del Norte dove fu sepolta Evita Perón, si incontrano  magnifici edifici  dalla  forte influenza francese e italiana, ottimi ristoranti, raffinati bar e negozi trendy.  Si consiglia inoltre  la visita del frizzante quartiere di Palermo suddiviso in  Soho e Hollywood, dalle caratteristiche strade lastricate e case in stile italiano che negli ultimi anni si è trasformato in una delle zone  più mondane di Buenos Aires con ristoranti, gallerie d’arte e boutique di designer emergenti. Per gli amanti della cultura imperdibile è la visita del Teatro Colón costruito nel 1908, un imponente edificio in stile italo-francese, del Museo MALBA che raccoglie una grande collezione di arte moderna latinoamericana e del Museo Evita che racconta la figura di Evita Perón attraverso oggetti, filmati e fotografie.

3° giorno, 24 aprile:
BUENOS AIRES

Prima colazione. Giornata libera per escursioni facoltative. Pernottamento.
 
La città di Buenos Aires offre moltissimo e si possono far numerose visite ed attività.
Alcuni suggerimenti:
- la visita del Museo MALBA che raccoglie una grande collezione di arte moderna Latinoamericana e del Museo Evita che racconta la figura di Evita attraverso oggetti, filmati e fotografie.
- partecipare alla “Fiesta Gaucha” con visita ad una antica Hacienda nei dintorni di Buenos Aires, esibizioni di veri “gauchos” e pranzo barbeque con balli e musica tipica.
- l’escursione al Tigre e al delta del fiume Parana, navigando lungo i canali
- l’escursione dell’intera giornata in Uruguay a Colonia del Sacramento o Montevideo in battello veloce attraversando il Rio de la Plata

4° giorno, 25 aprile:
BUENOS AIRES – USHUAIA

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza con volo per Ushuaia, Arrivo, trasferimento e sistemazione all’hotel Altos de Ushuaia*** (o simile). Tempo a disposizione.
Si consiglia la navigazione (facoltativa) sul Canale di Beagle di fronte alla città.
 
Durata volo Trelew – Ushuaia: circa 2 ore e 15 minuti
Durata navigazione Canale di Beagle: circa 2 ore e mezza
 
All’estremo sud dell’Argentina, nella Terra del Fuoco, un arcipelago composto dall’Isla Grande e da circa cento isole e isolotti fino a raggiungere il remoto Cabo de Hornos,  mito di ogni viaggiatore, si trova Ushuaia, la città più australe del mondo, nascosta tra le montagne  Cerro Martial e  Monte Olivia. La zona era abitata inizialmente dagli indios Ona, mentre i  primi europei a raggiungere il territorio furono i marinai della spedizione di Ferdinando Magellano nel 1520 che, osservando i grandi fuochi accesi dagli indigeni nominarono appunto la zona “Terra del Fuoco”.  La città si sviluppa lungo la collina fino ad arrivare sulle sponde del Canale di Beagle ed è un ottima base per esplorare la bellezza selvaggia del Parco Nazionale della Terra del Fuoco, per escursioni in barca lungo il canale, per sciare alla Fin del Mundo e per provare la gastronomia con piatti tipici a base di centolla, un granchio gigante tipico del luogo.  
 
Il Canale di Beagle, deve il suo nome alla nave di esplorazione resa famosa dal  naturalista Charles Darwin e fu esplorato per la prima volta dal capitano Robert Fitz Roy il 29 gennaio 1833. Il luogo offre maestosi paesaggi con viste sulle montagne della Sierra Sorondo, splendide  veduta della città di Ushuaia, della costa e delle isole di questa terra alla “fine del Mondo”. Le esplorazioni lungo il canale offrono buone opportunità di osservare cormorani, leoni marini, delfini, i grandi albatros e procellarie. Alcune escursioni prevedono la visita di Isla Martillo dove nidificano i pinguini o della storica Estancia Harberton, la più antica della Terra del Fuoco, costruita da Thomas Bridges nel 1887 che per molto tempo ha accolto naufraghi, scienziati e fu rifugio per i gruppi indigeni Yámana e Manneken.

5° giorno, 26 aprile:
USHUAIA

Prima colazione. In mattinata partenza per la visita del Parco Nazionale di Lapataia. Lungo il percorso si potrà osservare il famoso Canale di Beagle e il bel paesaggio della cordigliera delle Ande prima di scomparire nell’oceano. L’area protegge il bosco andino patagonico caratterizzato da foreste di faggio, ciliegi e altre specie di piante ed è l’habitat di volpi rossi, castori, oche e falchi. Proseguendo fino alla fine della Ruta Nacional 3 si arriva alla famosa Baia di Lapataia, dove i primi abitanti della Terra del Fuoco usavano accendere grandi fuochi e da qui il nome che Magellano diede alla zona. Pomeriggio libero. Pernottamento.
 
Durata escursione Parco Nazionale Lapataia: circa 4 ore
 
Il Parco Nazionale Terra del Fuoco, si trova a circa 12 Km da Ushuaia e protegge 630 chilometri quadrati di montagne frastagliate con boschi subantartici, foreste di faggio e tundra ed è l’habitat di volpi rosse,  guanaco, castori, anatre, oche, falchi e molte specie di uccelli tra cui il picchio di Magellano. Si estende lungo la frontiera del Cile tra la Sierra Beauvoir ed il Canale di Beagle e ospita la Bahía Ensenada, il Lago Roca, la Bahia di Lapataia e la laguna Verde.

6° giorno, 27 aprile:
USHUAIA - EL CALAFATE

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza con volo per El Calafate. Arrivo, trasferimento e sistemazione all’hotel Rochester*** (o simile). Pernottamento. Si consiglia la visita del Glaciarum, dove si potrà conoscere la storia del “ghiaccio” e gustare un drink al Glaciobar.
 
Durata volo Ushuaia – El Calafate: circa 1 ora e 22 minuti  
 
El Calafate deve il suo nome da una parola indigena che identifica un arbusto della famiglia delle Berberidaceae, tipico della Patagonia, le cui bacche sono protette da spine e contengono una sostanza che possiede proprietà medicinali. Un tempo utilizzati dalle popolazioni indigene per tingere i tessuti, oggi i frutti sono impiegati  per produrre deliziose marmellate. La leggenda racconta che “el que toma el calafate, volvera” (chi mangia calafate, ritornerà). Il luogo un tempo  era un semplice punto di ristoro durante i viaggi tra un estancia e l’altra della Patagonia mentre  oggi  El Calafate è  una piacevole cittadina turistica, ottimo punto di partenza per la visita del ghiacciaio Perito Moreno e del settore meridionale del Parco Nazionale Los Glaciares. Nelle vicinanze si trova l’interessante Glaciarium, il  museo del ghiaccio, ospitato all’interno di una struttura che ricorda il fronte del ghiacciaio Perito Moreno. Le sale permettono di immergersi nel mondo affascinante della glaciologia e di conoscere l’esplorazione di una delle più incredibili aree del continente, mentre nel sottosuolo il GlacioBar, invita ad assaporare un freschissimo drink.

7° giorno, 28 aprile:
EL CALAFATE – PERITO MORENO – EL CALAFATE 

Prima colazione. In mattinata partenza attraverso la steppa patagonica fino ad arrivare al ghiacciaio Perito Moreno. I sentieri all’interno del parco permettono di raggiungere l’immensa parete di ghiaccio, dove si avrà la possibilità di ascoltare il ruggito del ghiaccio che cadono nelle acque del lago. Rientro a El Calafate e pernottamento. Si consiglia l’escursione Safari Nautico per ammirare da vicino l’impressionante parete di ghiaccio.
 
Distanza El Calafate – Perito Moreno: Km 80
Durata escursione: 8h circa
 
Il Perito Moreno è una massa immensa di ghiaccio che cade a picco sul Lago Argentino, con un fronte che si estende per cinque chilometri in larghezza e pareti che si innalzano fino a sessanta metri sopra le acque, nascondendosi per altri duecento sotto il livello del lago. Il ghiacciaio è uno dei pochi al mondo ancora in espansione ed è caratterizzato dalle continue rotture di torri ghiacciate che si staccano dal fronte e si schiantano nelle acque del lago risuonando come colpi di cannone nel silenzio del Parco.  Sorprende la meravigliosa varietà di colori del ghiaccio che vanno dal bianco come la neve, al rame con venature di grigio all’incredibile blu profondo. Lo spettacolo è stupefacente: una enorme lingua di ghiaccio che si fa strada tra le montagne, l’azzurro del lago argentino, i lastroni di ghiaccio che vagano solitari ed il volo silenzioso di qualche condor.

8° giorno, 29 aprile:
EL CALAFATE
Prima colazione. Giornata libera. Pernottamento.
 
Si consiglia
la navigazione del Lago Argentino raggiungendo l'Estancia Cristina. Imbarco a  Puerto Bandera e navigazione lungo il braccio Nord del Lago Argentino, fiancheggiando selvagge montagne, nude e dirupate, che recano i segni della straordinaria forza erosiva degli estesi ghiacciai che le ricoprivano anticamente. 
 
Attenzione: consigliamo la prenotazione dall’Italia, prima della partenza,  per non avere problemi di disponibilità
9° giorno, 30 aprile:
EL CALAFATE – BUENOS AIRES
Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza con volo per Buenos Aires. Arrivo, trasferimento e sistemazione in hotel. Pernottamento.
 
Durata volo El Calafate – Buenos Aires: circa 3 ore
10° giorno, 01 maggio:
BUENOS AIRES - ITALIA
Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea intercontinentale per l’Italia. Pasti e pernottamento a bordo.
11° giorno, 02 maggio:
ITALIA
Arrivo in Italia e fine del viaggio.

Quote e Partenze

9 giorni / 7 notti
partenza da Milano, Venezia e Roma
minimo 2 partecipanti, con assistenza di guide locali parlanti Italiano

partenza Prezzi per persona
"a
partire da"
 in camera doppia suppl. singola
22 aprile 2019 € 2.250 € 650
N.B. le quote in tabella sono da intendersi "dinamiche": sono calcolate sulla base di tariffe aeree con disponibilità di posti limitata; all'esaurimento, verrà applicata la miglior tariffa disponibile al momento della prenotazione.

tasse aeroportuali: € 490 circa (soggette a riconferma all'emissione dei biglietti)
quota individuale di gestione pratica: € 70
assicurazione annullamento: da quotarsi in base al costo totale del viaggio

garanzia facoltativa "PREZZO SICURO"
consente di bloccare con anticipo il prezzo del pacchetto turistico ed evitare rialzi dovuti ad eventuali adeguamenti valutari. L’adesione è facoltativa. Se si decide di non aderire, gli eventuali adeguamenti verranno comunicati fino a 21 giorni dalla partenza. I supplementi del “PREZZO SICURO” variano in base alla quota individuale di partecipazione:
.. fino a  € 3.000: € 50
.. oltre € 3.000: € 90

Incluso ed escluso

La quota comprende:
• Voli intercontinentali classe economica e voli interni
• Franchigia bagaglio 20 Kg. (salvo eccezioni indicate nella documentazione di viaggio)
• Hotel menzionati o se non disponibili altri della stessa categoria su base camera doppia standard (due letti singoli, il letto matrimoniale non è mai garantito)
• Trattamento indicato nel programma
• Trasferimenti collettivi con guide locali in Italiano, tranne durante i trasferimenti per lo show di tango
• L’assicurazione per l’assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio
• La polizza Viaggi rischio Zero
• Gadget previsti e documentazione informativa

La quota NON comprende:
• Tasse aeroportuali
• Il treno “la Fin del Mundo” nel Parco Nazionale Terra del Fuoco
• La Polizza a copertura delle penali d’annullamento del viaggio
• Le bevande, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
• Le escursioni facoltative
• La Garanzia “PREZZO SICURO”
• quota individuale di gestione pratica
• tutto quanto non incluso ne "la quota comprende"
 

Per informazioni o prenotazioni scrivi ad atacama@atacama.it
oppure chiama i nostri operatori al numero 030 8922696

  

COPYRIGHT © 2012 Atacama Travel